Le incredibili proprietà della foglia, usata in alimentazione dalla popolazione giapponese da circa 5000 anni e detta anche jyuunin, che significa “dieci anni”. Appartenente alla famiglia della menta, questa pianta viene utilizzata anche a scopi ornamentali e curativi. È antinfiammatoria, promotrice dell’interferone e stimolante del sistema immunitario.

Le foglie di shiso, per la loro appartenenza alla famiglia della menta e del basilico, hanno un profumo molto aromatico che ricorda la melissa e l’anice. Questo sapore deciso e speziato permette infatti un impiego molto variegato in cucina, dove possono essere consumate al naturale, come condimento crudo da abbinare a insalate, piatti di pesce crudo, formaggi o funghi, ma possono anche essere aggiunte alla fine della cottura di zuppe o in tutte quelle portate a base di alghe. In Oriente, le foglie di shiso porpora vengono abbinate a piatti di riso, al sushi e sashimi, ma anche in infusi, coktail e distillati.

Red Shiso

I piccoli germogli e le giovani foglie sono ottime nell’insalata; le foglie più mature si utilizzano per guarnire o insaporire le pietanze e, salate, vengono usate come condimento per tofu e tempura. Le foglie delle varietà rosso-viola (japonica) vengono utilizzate come colorante per alimenti e conserve di frutta.

Le foglie possono essere essiccate e consumate in tisana o come spezia.

Lo Shiso date le sue proprietà antiossidanti è usato anche per conservare più a lungo le pietanze, e per preservare la buona fermentazione delle prugne umeboshi di cui è ingrediente fondamentale. Le foglie contengono circa 3,1% di proteine, 0,8% di grassi, 4,1% di carboidrati, 1,1% di ceneri. I fiori acerbi sono utilizzati come contorno per minestre e tofu fresco.

I fiori maturi sono ottimi fritti.

Dal seme spremuto a freddo si ottiene un olio commestibile tra i più ricchi in natura di acido linolenico (omega 3). Antiossidante per eccellenza, l’olio di perilla viene utilizzato anche nella preparazione di maionesi, tofu, miso, insalate.

Proprietà curative: considerata un antibatterico, antipiretico, antisettico, antispasmodico, antitosse, espettorante, e tonico. Le foglie sono usate nel trattamento di raffreddori, catarro polmonare, vomito, dolore addominale, avvelenamenti. Il succo delle foglie aiuta a rimarginare e disinfettare tagli e ferite. Il seme è antiasmatico, antitosse, emolliente ed espettorante; viene utilizzato internamente per il trattamento di asma, raffreddore, brividi, nausea, dolore addominale, intossicazioni alimentari e reazioni allergiche (soprattutto da frutti di mare), la bronchite e la costipazione intestinale.

RICETTE